Consumazione obbligatoria

Caro blog,

ho letto che tra un po’ saranno in vendita anche in Italia i nuovi divuddi’ “usa-e-getta”: per “soli” nove euro ti compri un simpatico DVD che una volta scartato dalla sua plastichetta sottovuoto modello prosciutto, ancor piu’ velocemente del prosciutto va a male dopo un po’ di tempo, e sara’ inutile tenerlo in frigo e/o avvolgerlo nella carta d’argento. Gli hanno infatti spalmato su un apposita sostanza chimica che passate ventiquattr’ore a contatto con l’aria gli corrode la superficie di lettura. Irreparabilmente. Poi lo si puo’ buttare nella monnezza o giocarci a frisbee col gatto.

Adesso tanto per continuare col prosciutto, e’ come se i salumieri li umettassero di una salsina in grado di farli marcire a tempo di record, fatto che con ogni probabilita’ solleverebbe tra le massaie tapine la domanda fatidica: perche’?

E in effetti perche’ fare andare accazzo tanti poveri dischettini, e spenderci pure dei soldi per ricercare il modo di farlo, e poi far pagare meno un manufatto che per essere peggiore a farlo costa pure di piu’, allora perche’ non fare i preservativi che si sciolgono sulle gran coppone di minchia dei dirigenti delle case di produzione di home video che si son fatti ‘sta pensatona, gran coppone che, mi sembra abbastanza chiaro caro blog, coincidono senza fallo con le loro calve capocce?

Tutto per scongiurare la pirateria, cioe’ gruppi di persone che armati di masterizzatori di DVD vanno all’arrembaggio dei galeoni stracarichi d’oro della regina Isabella di Spagna, come facevo notare l’altro giorno a un’altra ben piu’ pigra regina. E’ molto bello che ci si impegni contro un fenomeno cosi’ pericoloso, quello della copia di film e cartoni, invece che preoccuparsi, che so, di fare campagne di vaccinazioni contro il morbillo che in Africa India e non so dove altro fa secchi un sacco di ragazzini. Almeno adesso si potranno consolare i poppanti del terzo mondo, che la loro aspettativa di vita non e’ piu’ inferiore a quella di un DVD.

Ciao,
Matu

Consumazione obbligatoriaultima modifica: 2006-05-08T15:44:55+02:00da matu73
Reposta per primo quest’articolo

75 pensieri su “Consumazione obbligatoria

  1. scusa, ma a che serve? Se vuoi masterizzare permanentemente i tuoi dati (dico roba legale) su DVD? Non capisco bene, gli elettroni sono stati troppo chiassosi, si litigavano con le nanoparticelle e ho un po’ di mal di testa, per cui non afferro bene il concetto. Buona serata w

  2. questo è decisamente un post da linkare nella mia apposita sezione e quindi linko e in più ti dico in tempi non sospessti (per quella malattia reciproca che si chiama piaggeria) ti citai nel post mio “è chiaro” . sai quale è stata la prima cosa che ho pensato? Beh favoriscono la pirateria questi fessi: costa meno la matrice perché se masterizzi un dvd col veleno non è che passa quello nel software per masterizzare dico io… lareginapigra

  3. ciao matu!guarda, io un dvd del genere mai lo comprerei, 1) perchè scaricarlo dal Mulo comunque mi costa in teoria meno; 2) perchè mi piace possedere dvd originali e soprattutto conservarli nella mia cineteca vita natural durante; 3) perchè 9 euro per un dvd che a 48 ore dall’apertura si autodistrugge-i n-5-secondi sono ugualmente troppi!!! Noleggiare per tre sere il film da Blockbuster costa meno… LAW 🙂

  4. non trovo il tasto CASSOLA! Acci! la mia cuginetta? dunque…quando finalmente si è decisa ad abortire e ha fatto tutti gli esami necessari, le hanno trovato un tumore rarissimo derivato proprio dalla gravidanza (mola vescicolare o qualcosa di simile). il feto era già morto. l’hanno operata, ed ora la stanno tenendo sotto controllo per verificare che tutto il tumore sia stato eliminato. nel frattempo lei ha deciso di trasferirsi dal fidanzato senza il consenso del suo tutore (il fratello 28enne), il quale ha avuto una crisi ed è stato ricoverato giusto ieri. che altro? e pensar che per un pelo non mi sono offerta io per il suo affidamento!

  5. il fidanzato ha 19 anni…è un ragazzo di quelli un pò sbruffoni, che gira con la bmw del padre e viene a dire a noi “ma tranquilli, solo in autostrada vado a 180”. poverina? se mi capita tra le mani la gonfio di legnate…e fanculo la psicologia!

  6. sei veramente cretino! :)) proprio in questo momento la Tina, la sciura delle pulizie, ha svuotato il cestino. ben ti sta! tentare di estorcere tutti quei soldini a me…no dico… A ME! sapendo bene che non so nemmeno inserire le immagini! vile!

  7. A me, invece, non manca per niente. credo sia ancora in viaggio post laurea. sai…c’è chi può e chi no. io, il giorno dopo aver discusso la tesi, ero di nuovo in università a lavorare. ricordo ancora quello che mi disse il mio professore vedendomi entrare in studio, dopo tre anni, e dico tre anni, in cui sputavo sangue in quel laboratorio (tre anni ad esami finiti, di sola tesi, non so se rendo): disse “finalmente ti sei laureata: ora possiamo cominciare a lavorare SERIAMENTE!”. eppure…lo amo tuttora! a te, invece, non t’amo più. sei uno stregone strozzino e senza cuore. ecco!

  8. lo so, povero matu, ma non ti preoccupare, prima o poi tornerà, colpa di gente fuori-blog, per una volta tanto non c’entrano anonimi o maniaci che vogliono il suo perizoma… winter ma hai pensato agli affari di matu?!?ora come farà?!gli toccherà andare a vendere cd piratati al semaforo (pregando di non incrociare la guardia di finanza!!). bè, lil’ matu, ti consoleremo io ed emmuzza nel frattempo, emmaaaaa!!

  9. Matu, scusa se oggi non ti ho risposto alla tua fondamentale domanda. Dare un nome alle nanoparticelle? Bisogna stare attenti, sai, se sono identiche sono indistiguibili, quindi potrebbero scambiarsi il nome per potere fare marachelle tipo, che so, sollevare la gonna di Nilda Feynman. Oohh finalmente parlo di scienza sul blog con qualcuno.

  10. E poi gli stessi, ad esempio la SONY che ti vende masterizzatori e DVD Recorder affinchè tu registri e porti in memoria su dischi od altri supporti cose che non potrai mai ricordare d’aver visto. L’ansia del prosciutto mediatico scartato dominerà il piacere di vedere una storia rappresentata. Sic

Lascia un commento