Gli zii del blog

Caro blog,

questa cosa di essere sulla tua home page mi lusinga certo di molto; pero’ mi mette anche di fronte ad uno spinoso problema: ora mi sento in dovere di produrre un post di fattura particolarmente pregiata per le centinaia di migliaia di bloggers che si caracolleranno a visitarti come una folla impazzita, nello strepito di gomitate, calci, pugni, sputi, dita nel naso e stridor di denti.

La prima idea sarebbe banalmente quella di dare platealmente di testa per via della sovraesposizione alla celebrita’, cercando di sfruttarla per fini politici e/o personali. Cio’ vuol dire: post di propaganda bieca e accuse piu’ o meno circostanziate alla parte politica contraria alla mia; oppure ancor meglio un vero e proprio delirio di improperi e volgarita’ da trivio e angiporto (a proposito, questa parola l’ho sentita pronunciare in vita mia solo da quel coglione del berlusca), nella miglior tradizione di quella che Paolo Rossi (se non sbaglio) chiama “la terza fase della borrachera: insulti al clero y all’autorita’”. Qualcosa sul genere “Chiesa di merda Governo ladro”.

Uno sviluppo ulteriore sempre sulla linea del “tutto quello che direste se qualcuno vi ascoltasse” si rivolge addirittura piu’ in alto: nei fumi della fama potrei prendere a sacramentare turpemente e senza ragione, un po’ come faceva in un racconto di Sciascia il barone che, esasperato dalla moglie ultrabigotta, per farle spiacere usava prendere l’almanacco dei giorni dell’anno e bestemmiare meticolosamente tutti i santi ivi elencati, da san Capodanno (non so chi sia il santo del primo) a san Silvestro (questo dovrebbe essere quello dell’ultimo). Ancora a proposito: visto che siamo vicini alle elezioni posso consigliare la lettura del racconto, “Il quarantotto”, contenuto ne Gli zii di Sicilia se non ricordo male. Be’ in effetti tutto Gli zii andrebbe letto.

Invece quello che faro’ e’ scrivere una parodia di canzoncina, perche’ tutte le cose prima sono abbastanza pesanti (soprattutto l’elenco di tuttissanti corredati da improperio credo che nemmeno Saramago arriverebbe a farlo, non perche’ sia meno ateo di me, ma perche’ dopo un po’ due palle).

* * *

Il tempo di postare

Matublogghetto. In HP.
Non moderato. E’ tuo se dici: “si'”.
Mi posta una vita. Per niente lo darei.
Ma ho il blog commentato. E so che morirei.
(Non dire “<IMG />”… non dire “<IMG />”…)

Lo so che linki un altro. Cosa ci posso fare?
Se sono un dispermatu. Perche’ ti voglio amare!
(Non dire “<EMBED></EMBED> “… non dire “<EMBED></EMBED> “…)

Mi basta il tempo di postare… un bel commento, cosi’!
Domani lo puoi spubblicare ma adesso, adesso, adesso dimmi di “<SI’ />”!!!

Eh eh caro blog, chissa’ cosa direbbe il W3C di questo 😀

Ciao,
Matu

Gli zii del blogultima modifica: 2006-03-29T10:17:31+02:00da matu73
Reposta per primo quest’articolo

18 pensieri su “Gli zii del blog

  1. santa maria madre di dio….è il primo “santo” dell’anno! per il resto, come ti ripeto da che ci conosciamo, sei uno spettacolo! (ma “sono disperato perchè ti voglio amare” è una dichiarazione velatamente diretta a me…vero?) 🙂

  2. Grande Matu, rinnovo i complimenti. Visto che insegno a tuoi aspiranti colleghi, (non te l’ho mai scritto, ma e’ cosi’) dovrei forse additarti ad esempio luminoso di come i loro sudati studi e le faticate carte temprino giovini ingegneri pronti a diventare delle blog celebrita’. Un saluto w

  3. come posso non amare un ingegnere che legge “Storia della filosofia occidentale”? gettato in mare aperto? ma è illegale!! noi siamo cittadini onesti, e come tali dobbiamo dedicarci solo ad azioni concesse dalla legge: il falso bilancio, per esempio!

  4. Eh si! Non avevo notato che il nome era simile…anche l’anno di nascita…solo che il mio è 10 anni tondi tondi prima!!! Piacere d’averti “incrociato”, il mondo web è talmente vasto, che spesso ci si ferma a conoscere le prime persone che si avvicinano o noi avviciniamo perdendo l’opportunità di “frequentare” blog più interessanti. Ma si può rimediare. Ciao Matu, un bacio Manu

  5. no, non credo nemmeno io. e poi il rosso benetton è penoso! per i soprannomi è presto detto: wyoming perchè come l’omonimo personaggio di ovosodo sa darti il buongiorno ruttando; calippo perché con il piercing sulla lingua, sa plasmare il calippo in maniera superba.

  6. ciao, mi piacerebbe invitarti sul nuovo forum di visiblmedia. Abbiamo inserito una sezione chiamata “mi BLOGghi? ma quanto mi BLOGghi…” dove puoi segnalare il tuo blog e parlarne (dopo una semplice registrazione).
    inoltre, potrai esprimere anche un’opinione nel sondaggio “Internet Vs Tv, Radio, Stampa”.
    spero che l’invito sia gradito, anche per gli amici 🙂
    un salutone,
    Dani
    http://visibilm edia.forumup.it

  7. sulle fertili terre degli studi ingegneristici passo’ l’Attila della riforma Berlinguer. Da allora molte cose sono cambiate. In particolare le buone vecchie fisica I e II non esistono piu’ nel mio corso di laurea. Adesso c’e’ un mostriciattolo chiamato Fisica A, ed uno sgorbio nominato Fisica B (opzionale). Piu’ una serie di corsi bonsai.Io insegno la A. Saluti w

Lascia un commento