I taccuini matuini di spunti letterari – I. Abbozzo di sceneggiatura

Caro blog,

il titolo di questo post e’ fallace. E’ ovvio che sei tu il mio taccuino matuino, e pertanto affido a te le idee che mi vengono per la composizione di varie opere che il web, se non il globo, furiosamente reclama. L’antefatto di questo spunto artistico e’ la saldatura a stagno delle piastre elettroniche. Il saldatore scioglie lo stagno, i cui vapori mefitici, inalati dall’ing. Matu, lo mettono immediatamente in comunicazione mentale con un dio-scimmia azteco, che gli detta le bozze per le sceneggiature di quelli che saranno i prossimi successi di Hollywood.
Il colossal di oggi si chiama allora…

* * *

I Coatti degli Apostoli

GENERE: religioso / romanesco

DURATA: 725′ (ma in due tempi da 360′)

LINGUA: sarebbe carino l’aramaico come Mel Gibson, ma anche l’italiano e al limite un po’ di dialetto delle valli di Lanzo andranno bene.

TRAMA: Gesu’ Cristo ritorna, ma per un disguido non nasce a Nazareth ma a Viterbo. Raggiunta la maggiore eta’, comincia a predicare la parola di Dio ad un gruppo di ragazzotti nullafacenti che l’hanno agganciato davanti al palazzo dei papi chiedendogli una cartina. Alla fine si rompe le palle e va a cinecitta’ dove ha trovato un impiego come controfigura di Claudio Amendola nelle scene di nudo. Ma i suoi giovani discepoli, ormai, hanno avuto la vita cambiata dagli insegnamenti del Maestro, e in un vortice di misticismo alchemico passeranno il resto della loro esistenza alla ricerca di un modo per trasformare il ministro Buttiglione in oro. Oppure anche solo in piombo. O in cartapesta. O in una matrioska, o in filo interdentale, o in un satellite di Saturno… insomma qualsiasi cazzo di cosa basta che non sia piu’ quella gran testa di min***a di Buttiglione!

Ciao,
Woody Matu

I taccuini matuini di spunti letterari – I. Abbozzo di sceneggiaturaultima modifica: 2006-01-27T14:32:31+01:00da matu73
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “I taccuini matuini di spunti letterari – I. Abbozzo di sceneggiatura

  1. più che matti, vi trovo geniali, e si sa che nel genio c’è sempre una forte componente di follia ;)/forte il tuo soggetto, ci fosse stato pasolini l’avrebbe ben sviluppato in una sceneggiatura, con buttiglione che finisce prima tra le indicibili torture sadomaso di vladimir luxuria e conseguentement e, e qui apprezza il tocco pulp omaggio al collega tarantino, nella raccolta differenziata.a haha!risata diabolica.law 🙂

  2. Acc…. hai sgamato, come direbbero i coatti. E pensare che credevo di avere una pubblicazione gia’ in tasca! ;). Comunque mia figlia sta ancora male. Ha un’otite molto forte. Si spera che con gli antibiotici passi. Sicche’ sei anche uno sceneggiatore di colossal holliwoodiani-s tile Quo Vadis. Matu dalle mille sorprese. Saluti weller

  3. è permesso? ciau matu, ciau. mi dispiace essermi defilata, venerdì, senza nemmeno salutare, ma tra il panico da neve e l’ansia di trovare qualcuno che mi montasse le catene, ho mollato tutto senza pensarci. mi perdoni? eh? eh? eh?
    (bellissima questa sceneggiatura.. .e non è una ruffianata) 😉

Lascia un commento