Poesia skaldica

Sei bella Gudrun come i ghiacci e la pietra,
hai il viso di basalto e i capelli che
gli si gettano sopra come cascate nere.

Ma nelle notti congelate, mentre cacci sulla tua orca di legno
le frecce d’argento che sgusciano sotto i prati delle balene,
non dimenticare, o figlia del Nord e cugina del Sud-Ovest,
che il tuo nome vuol dire:
Colei che possiede incantesimi da battaglia,
e NON:
Colei che viene posseduta
da quel gran figlio di una tricheca
di Olaf il fornaio!

Ciao,
Matu

Poesia skaldicaultima modifica: 2006-01-20T11:30:28+01:00da matu73
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Poesia skaldica

Lascia un commento