La mimosa para una niña incassosa (un trauma adolescenziale)

Caro blog,

non compro piu’ mimose a chicchessia, l’otto di marzo. Vuoi sapere perche’? Eccoti la triste storia.

L’otto di marzo di una decina circa di anni or sono, un giovane Matu si recava a far visita ad una sua amica. Cadeva la ricorrenza della Festa della Donna, ed il giovane Matu penso’: faccio una cosa gentile e compro un mazzetto di mimose per la mia amica. Ma quando il giovane Matu si presento’ alla porta, sorridente e con in mano il mazzetto di fiori giallini, l’amica sclero’ di brutto dicendo che considerava la ricorrenza della Festa della Donna una festa maschilista sciovinista scandalosa insultante per il suo animo di Donna. Il giovane Matu disse: vabbuo’; e riciclo’ il mazzetto giallino per un’altra sua amica che considero’ il mazzetto soltanto un fottuto mazzetto di fiorellini giallini e non l’emblema della nuova fallocrazia strisciante.

Da quella volta non ho piu’ comprato mimose per nessuna donna, l’otto di marzo, perche’ ho sempre un po’ paura che qualcuna si possa offendere. Inoltre alcune ragazze soffrono di allergia ai pollini, quindi forse tanto vale regalare solo fiori di plastica…

Matu

La mimosa para una niña incassosa (un trauma adolescenziale)ultima modifica: 2005-03-08T17:25:20+01:00da matu73
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La mimosa para una niña incassosa (un trauma adolescenziale)

Lascia un commento